CaMAm

ambiente

CaMAm è un progetto di ricerca triennale per la caratterizzazione e mappatura dell’amianto nei corpi ofiolitici della Toscana.

Il programma di ricerca, coordinato dal professor Michele Marroni del dipartimento di Scienze della Terra dell’università di Pisa, prevede anche una stretta collaborazione di Alitec e PivotConsulting, entrambe impegnate da anni nel monitoraggio ambientale mediante tecniche innovative, e di ARPAT e delle USL toscane, da sempre impegnate nel monitoraggio delle problematiche legate all’esposizione da amianto.

Al centro dell’indagine, sostenuta dalla Regione nell’ambito del Programma Operativo del Fondo Sociale Europeo, il gruppo di sei minerali indicati con il termine amianto. Il progetto mira infatti a produrre una mappatura della presenza dell’amianto naturale nel territorio toscano.

Per la realizzazione del progetto CaMAm è previsto un approccio multidisciplinare, che utilizza, assieme al rilevamento geologico-strutturale a diverse scale, le più moderne tecniche mineralogico-petrografiche necessarie per caratterizzare i siti potenzialmente in grado di contaminare l’ambiente. A queste tecniche saranno associate metodologie di indagine innovative. Il passo conclusivo porterà allo sviluppo di una banca dati di tipo territoriale, costruita a partire dalla banca dati di cartografia geologica di cui si è recentemente dotata la Regione Toscana. Il prodotto finale del progetto sarà quindi un inventario delle aree caratterizzate da litotitpi contenenti amianto, associate ad una valutazione qualitativa e quantitativa.

“Lo studio – citando il Prof. Marroni - porterà alla stesura di una vera e propria mappatura, utile per decidere se sia il caso, o meno, di intraprendere lavori in determinate zone di territorio. Scelte da fare considerando la pericolosità e la quantità dei materiali incontrati: fin dalla prima metà del secolo scorso, l’amianto ha avuto un ampio uso industriale. Col tempo si è reso evidente che il gruppo di minerali è estremamente dannoso per la salute: le fibre, se inalate, favoriscono l’insorgenza di gravi patologie dell’apparato respiratorio, come asbestosi, carcinoma polmonare, mesotelioma pleurico. Da poco più di venti anni, in molti paesi sviluppati l’utilizzo dell’amianto è stato progressivamente ridotto, sino alla sua completa eliminazione dalla produzione e dalla commercializzazione”.

I pericoli dell’amianto sono legati alle attività di escavazione. I rischi per la salute sono però ancora presenti. “E’ consentito, ancora oggi, estrarre e commercializzare materiali sotto forma di lastre, blocchi e pietrisco provenienti da rocce che, per loro natura, possono contenere minerali classificati amianto e che vengono utilizzati come inerti pregiati. Restano quindi i rischi connessi alla escavazione in aree con amianto naturale: l’estrazione e la lavorazione è stata del tutto sospesa, ma in scavi per lavori stradali, per la realizzazione di gallerie o per massicciate di linee ferroviarie è possibile incontrare rocce contenenti amianto. L’attività porta a frantumare la roccia, liberando fibre pericolose per i lavoratori e per i residenti intorno ai cantieri. Nel caso di interventi connessi alla viabilità, la nostra ricerca permetterà di indicare, sin dalla fase progettuale, il tracciato più “pulito”, valutando, a seconda delle percentuali di amianto presenti nelle rocce, una variazione del percorso o l’individuazione di tipi di lavorazione che possano ridurre il rilascio di fibre. Risulta evidente come possa essere strategico ai fini di una pianificazione territoriale, che preveda un corretto e non rischioso utilizzo del territorio, dotarsi di uno strumento che consenta, non solo una approfondita conoscenza delle aree in cui affiorano i litotipi contenenti minerali fibrosi potenzialmente pericolosi, ma che permetta anche una valutazione qualitativa e quantitativa degli stessi”.

Alitec S.r.l. società a socio unico                                                                                                                                        Società soggetta a direzione e coordinamento da parte di Ali Group S.r.l.

Sede legale via Ponte Nazionale, 53 – 54023 Filattiera (MS) Italy
Laboratorio R&S via Giuntini, 63- 56023 Navacchio (PI) Italy
P.IVA 01140370451

Sitemap
Contatti

Tel +39 050 7519500
Fax +39 050 3869683
Email alitec@alitec.eu

Credits

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information